Guida ai materassi antidecubito

Cos’è un materasso antidecubito?

I materassi antidecubito sono ausili per il letto, che garantiscono una superficie antidecubito e confortevole su cui dormire. Sono progettati per chi deve rimanere a letto per lunghi periodi, a causa di una patologia, disabilità, o a seguito di un'operazione. Ne esistono in diversi materiali e densità, che si differenziano a seconda del livello di rischio. Tutti garantiscono una distribuzione omogenea del peso corporeo, evitando che si crei una pressione eccessiva nelle zone di contatto tra corpo e materasso e sulle sporgenze ossee.



Come prevenire le piaghe da decubito con il giusto materasso

Cosa sono le piaghe da decubito?

Le piaghe da decubito sono lesioni della pelle e dei tessuti sottostanti (muscoli e ossa) causate da una pressione prolungata, solitamente tra il corpo e una superficie di appoggio. Generalmente le ulcere da decubito, dette anche lesioni da pressione, si creano in persone che rimangono a letto immobili o nella stessa posizione per molto tempo. Restando immobili infatti la circolazione sanguigna non funziona in modo ottimale, la pelle rimane a contatto con il materasso e le lenzuola e risente della pressione prolungata, dello sfregamento e della mancanza di aerazione. Queste condizioni possono causare le piaghe da decubito.

La maggior parte delle ulcere da decubito si forma in corrispondenza di una sporgenza ossea che poggia sul materasso o rimane a contatto con altre superfici, impedendo il corretto afllusso di sangue e l’ossigenazione dei tessuti, che vengono così danneggiati.


 

Lesioni da decubito e livelli di rischio

Il rischio di sviluppare lesioni da decubito si distingue in tre fasce: rischio basso, rischio medio e rischio alto.  Ma come riconoscere le piaghe da decubito? Nello stadio iniziale di una piaga da decubito si nota un arrossamento della pelle che non diminuisce, in genere nelle zone soggette a maggiore pressione, quelle di appoggio. Negli stadi successivi si possono formare vesciche e vere e proprie ferite. Nello stadio più grave, si verificano lesioni profonde e necrosi dei tessuti, in cui oltre alla pelle e ai tessuti superficiali possono essere compromessi i muscoli, le ossa e le articolazioni.

Il livello di rischio deve essere valutato attentamente con il medico o con un operatore sanitario. La scelta migliore è senz’altro cercare di prevenire le piaghe da decubito, perché una volta comparse sono difficili da guarire e possono peggiorare causando danni più profondi.


 

Come prevenire le piaghe da decubito

Le piaghe da decubito, o lesioni da pressione, possono essere prevenute osservando questi comportamenti:

  • controllare la pelle tutti i giorni, anche più volte al giorno, soprattutto nei punti di appoggio e sulle sporgenze ossee come anche, gomiti, talloni e osso sacro
  • tenere ben pulita e asciutta la pelle, evitando di sfregarla. Idratarla quotidianamente
  • cambiare spesso posizione, passando per esempio anche dal letto alla poltrona o alla carrozzina, se possibile
  • utilizzare ausili di prevenzione antidecubito che aiutano a ridurre la pressione come cuscinimaterassi, letti articolati, alzacoperte e specifiche protezioni antidecubito come le talloniere.

  

 

Quali sono i benefici di un materasso antidecubito?

Un materasso antidecubito è un modo semplice ed efficace per prevenire piaghe e ulcere da decubito. La superficie del materasso è studiata per distribuire la pressione, mantenendo una corretta circolazione sanguigna e aerazione della pelle, evitando che si formino lesioni.


 

Quali tipi di materassi antidecubito esistono?

Tutti i materassi antidecubito offrono una distribuzione ottimale del peso, evitando la pressione eccessiva tra corpo e materasso. La densità e il sostegno offerto dal materasso variano a seconda del rischio di sviluppare ulcere da decubito di chi lo utilizza. La maggior parte dei materassi antidecubito possono essere posizionati semplicemente sul letto, o sopra il materasso normale nel caso di materassi antidecubito sottili a bolle d’aria. Una fodera impermeabile aiuta a proteggere il materasso dalle macchie e dall’umidità.


 

Cosa considerare per scegliere bene un materasso antidecubito?

Tutti i materassi antidecubito sono pensati per ridurre umidità, pressione e sfregamento tra corpo e materasso. Ecco alcuni fattori importanti da valutare per scegliere il materasso più adatto tra i tanti disponibili. 

Dimensioni: Controlla le dimensioni e le caratteristiche del letto, per assicurarti di scegliere il materasso antidecubito adatto.

Livello di rischio: prima di scegliere un materasso antidecubito, è fondamentale valutare il livello di rischio, con l’aiuto del medico o di uno specialista. I vari modelli infatti sono progettati per un livello di rischio specifico con caratteristiche e materiali diversi.

Peso: il peso di chi utilizza il materasso deve essere tenuto in considerazione per scegliere il materiale e la forma più adatta. Per persone pesanti o obese esistono specifici materassi antidecubito bariatrici, in grado di sostenere correttamente un peso superiore alla media.

Molti materassi sono adatti all’utilizzo con letti ospedalieri e snodabili, grazie alla loro flessibilità. Alcuni sono sterilizzabili anche in autoclave, per garantire la massima igiene.


 

Tipologie di materasso antidecubito

Materasso ventilato, in poliuretano, schiuma o memory

La schiuma, il poliuretano e il memory sono materiali che garantiscono un’alta traspirabiità e si adattano al corpo offrendo un supporto uniforme. Essendo materiali morbidi, infatti, reagiscono al peso e alle forme del corpo. I solchi e le fenditure presenti sul materasso consentono il passaggio dell’aria, aiutando a mantenere la pelle fresca e asciutta ed evitando la macerazione dei tessuti.


Materasso in fibra cava siliconata.

La struttura della fibra permette il passaggio dell’aria e quindi un’ottima traspirazione della cute. Questo tipo di fibra è molto elastico e mantiene la forma nel tempo. I modelli con inserti asportabili sono di facile manutenzione e pulizia, perché i vari moduli possono essere facilmente estratti e lavati.

 

Materasso antidecubito ad acqua.

Si tratta di materassi in pvc contenenti acqua. Modificando la quantità di liquido all’interno è possibile modificare la densità del materasso, rendendolo più morbido o più rigido. Grazie alla mobilità del materiale interno fluido, mantengono la pressione costante, adeguandosi ai movimenti del paziente e distribuendo in modo uniforme il peso del corpo.

 

Materasso antidecubito ad aria, a pressione continua o alternata.

Si tratta di materassi gonfiabili, con una speciale struttura modulare a cilindri o a bolle, che vengono gonfiati grazie a un compressore. Lo spostamento dell’aria all’interno permette al materasso di adattarsi alla postura del paziente. I modelli a pressione continua mantengono una pressione costante, mentre quelli a pressione alternata si basano su un’alternarza di gonfiaggio e sgonfiaggio delle diverse parti del materasso. Il compressore per il gonfiaggio deve rimanere sempre collegato alla presa di energia elettrica. Un telecomando permette di modificare facilmente la pressione dell’aria all’interno del materasso, regolandone la densità.

Qui puoi visitare la nostra selezione di materassi antidecubito.