Insonnia: come dormire bene?

Dormire bene, over 50

Come si può ottenere un sonno migliore e più riposante?

Man mano che l’età avanza, non è raro che compaiano sintomi di insonnia o sonno scarso. È interessante notare che l’incapacità di riposare una notte intera è uno dei motivi per cui pensiamo sempre agli anziani come a persone che si svegliano presto. Non è che non abbiano bisogno di dormire tanto – hanno bisogno delle stesse sette o nove ore a notte dei giovani adulti – ma spesso hanno difficoltà a ottenerlo altrettanto facilmente, per una serie di motivi.

Se una persona sperimenta un grave calo della qualità o della quantità del sonno, non deve disperare. Alcuni semplici cambiamenti nello stile di vita o nell’ambiente possono fare un’enorme differenza per aumentare il sonno e ottenere il riposo di cui abbiamo bisogno.

Scegliere il materasso giusto

Se capita di rigirarsi e svegliarsi spesso di notte, o di svegliarsi presto e con dolori muscolari, la colpa potrebbe essere del materasso. Se ha più di 8-10 anni, è più che probabile che sia il momento di sostituirlo, ma anche i materassi più recenti possono causare disagio se non sono del tipo giusto. Quando è il momento di scegliere, bisogna trovare un materasso adatto al proprio stile di sonno e al livello di comfort desiderato. Ad esempio, per chi soffre di mal di schiena cronico, è importante selezionare un materasso che fornisca il tipo di supporto di cui il collo e la colonna vertebrale hanno bisogno per rimanere comodi e allineati per tutta la notte.

Tuttavia, non si tratta solo del materasso. I cuscini sono importanti anche quando si tratta di dormire bene, indipendentemente dal fatto che piacciano morbidi o duri, quindi meglio investire su quelli di alta qualità che fanno sentire come se si riposasse su una nuvola. Ci sono anche opzioni studiate per il raffreddamento in modo da non dover continuare a girare il cuscino durante la notte.

Rilassarsi per dormire meglio

Tra le possibili cause dell’insonnia le più comuni sono sicuramente l’ansia, le cattive abitudini del sonno e l’andare a letto con orario irregolare. Una regolare routine rilassante prima di coricarsi può essere uno strumento incredibilmente utile per contrastare questi fattori. Sviluppare (e attenersi a) una routine rilassa la mente e segnala al corpo che dovrebbe iniziare a rilassarsi, perché la giornata si è conclusa. Questo permette di addormentarsi facilmente e pacificamente.

La routine può includere tutto ciò che si trova piacevole, a seconda di ciò che rilassa e fa venire sonno. Alcune buone abitudini possono essere:

  • Ascoltare musica rilassante, suoni rilassanti o rumore bianco
  • Meditazione
  • Bere un infuso di erbe come la camomilla
  • Fare un bagno o una doccia calda
  • Utilizzare oli essenziali in un diffusore, nella vasca da bagno o sul cuscino
  • Leggere un libro invece di guardare lo schermo di un tablet o di uno smartphone, poiché quest’ultimo emette una luce blu che indica al tuo cervello che è ancora giorno

Dieta ed esercizio

Le abitudini durante il giorno possono influire notevolmente sulla capacità di addormentarti la notte. Ad esempio, è stato dimostrato che l’esercizio fisico regolare migliora il sonno a lungo termine. Meglio assicurarsi di svolgere 30 minuti di attività moderata ogni giorno.

Nel frattempo, seguire una dieta sana ed equilibrata può aiutare a dormire meglio in molti modi. Per prima cosa, evitare stimolanti, zuccheri e carboidrati raffinati durante le ore serali, può regolare i livelli di energia in modo da non ottenere un picco importante subito prima di sera. Inoltre, seguire una dieta equilibrata può anche prevenire problemi gastrointestinali, che possono causare un cattivo sonno e essere aggravati dallo scarso riposo, creando un circolo vizioso.

Infine, bisogna concedersi qualche settimana per prendere queste nuove abitudini e routine e vedere come influenzano il proprio modo di dormire. È probabile che ci si ritrovi più riposati, ma se non fosse così, il prossimo passo dovrebbe essere quello di andare dal medico per discutere la questione. A volte, i problemi con il sonno sono legati a disturbi del sonno o ad altre malattie sottostanti, quindi chiedere un parere medico potrebbe essere la soluzione migliore. Il medico saprà consigliare i metodi migliori per dormire, dando alcuni consigli e suggerimenti che non hai considerato.

Indipendentemente dal problema, c’è una soluzione e un modo per ottenere un sonno notturno riposante e ristoratore. Prima di fissare un appuntamento con il medico per parlare della situazione, bisognerebbe provare ad esaminare il proprio stile di vita, controllare il materasso e provare una tua routine rilassante prima di andare a letto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *